verifica del benessere animale

Se la verifica del benessere animale viene fatta utilizzando il “metodo così fan tutti”, inventato dal compianto magistrato Maurizio Santoloci, i risultati per gli animali d’allevamento sono drammatici. Ben oltre le condizioni già di per se afflittive degli allevamenti, più o meno intensivi.

Troppe volte non vengono valutati i parametri legati al benessere, ma semplicemente quelli legati all’esistenza in vita: mangia, beve, si alza, si muove. In questo modo la vita degli animali diventa “la condizione”, ma non si tiene conto del modo in cui la stessa viene effettivamente trascorsa.

Con l’obbiettivo di garantire prezzi al consumo sempre più bassi il benessere animale, nel tempo, è scivolato in secondo piano. Consentendo di tenere, per fare un esempio, i bovini in spazi ristetti, con scarsa possibilità di movimento, senza occuparsi delle conseguenze per gli animali. La normativa stabilisce degli standard minimi a tutela del minimo benessere e per non causare maltrattamenti. Per essere rispettati però gli standard prevedono, inevitabilmente, cure veterinarie attenzioni.

La verifica del benessere animale deve essere garantita

Ma si sa: costa più curare un bovino di quanto non costi alimentarlo. Costa anche mantenere gli ambienti puliti e prevenire le condizioni che generano patologie. Per evitare che debbano subire condizioni di costante sofferenza causata da varie alterazione e, non da ultimo, dalla permanenza di uno stato di dolore cronico.

Il parametro forse meno considerato, ma anche quello che è più costoso da evitare, attiene agli zoccoli degli animali. Equini, bovini, ovicaprini e suini hanno zoccoli, per semplificare unghie, che sono come quelle umane a crescita continua. Gli zoccoli crescono in quanto nella vita “libera” gli animali li consumano naturalmente.

Per questo, in assenza di traumi o patologie gli ungulati selvatici hanno il giusto appoggio sugli arti, mantenendo la postura corretta. In allevamento invece il consumo degli zoccoli, a causa del ridotto movimento, è molto scarso e di conseguenza occorrono interventi per pareggiarli. Attività che devono essere eseguite da un maniscalco, con conseguente esborso economico, sicuramente più di quanto troppi allevatori vorrebbero dover spendere.

Per questo ci sono tantissimi animali presenti negli allevamenti con crescite abnormi o comunque eccessive degli zoccoli. Una situazione che non lascia ferite, non sembra una causa di sofferenza e viene spesso trascurata dagli stessi veterinari pubblici. Questo in quanto secondo il “metodo così fan tutti” si tratta di una costante, una sorta di denominatore comune presente negli allevamenti .

Una vacca del peso di 4/5 quintali come potrà vivere bene se costretta ad avere un appoggio non corretto? Più o meno come potrebbe stare un uomo costretto a camminare con una pantofola e uno scarpone da montagna.

Con una distribuzione dei carichi e degli equilibri completamente errata, fonte di gravi dolori che, secondo veterinari esperti, sono assolutamente equiparabili a quelli che derivano dalle patologie più gravi. Il tutto aggravato da una muscolatura non tonica, a causa dello scarso movimento.

Il “metodo così fan tutti” ha permesso di legittimare sofferenze gravi

Negli anni ’60 del secolo scorso Brambell, un professore inglese, identificò in un documento le 5 libertà minime di cui ogni animale d’allevamento doveva godere. Semplici, immediate, verificabili questi cinque capisaldi del benessere animale rappresentano troppo spesso solo una teoria, che non trova applicazione nella pratica.

Libertà dalla paura, dalle malattie, dalle ferite, dalla cattiva alimentazione e dalla sete. Ma anche libertà di poter mettere in atto i comportamenti naturali, specie specifici, ma anche di poter vivere in ambienti fisici adeguati (puliti e in grado di assicurare protezione dal clima e corretto riposo).

I veterinari delle aziende agricole hanno però precisi obblighi, seppur diversamente graduati fra soggetti pubblici e privati. Tutti i veterinari del Servizio Sanitario Nazionale, essendo pubblici ufficiali e anche ufficiali di Polizia Giudiziaria, hanno l’obbligo di fare una comunicazione di reato alla Procura in caso di maltrattamenti.

Non potendo certo usare come esimente il “metodo così fan tutti”. Tutti i veterinari privati, anche quelli che curano cani e gatti, hanno invece l’obbligo del referto.

Obbligo che si concretizza nel dover segnalare all’autorità qualsiasi ipotesi di reato in cui possano incorrere nell’esercizio della professione. Lo stesso obbligo che hanno i medici umani e che certamente viene rispettato maggiormente. Per questo occorre che inizino a essere sanzionati i sanitari che non rispettano ruoli, prerogative e obblighi che gli derivano dalla funzione.

Quando i controlli ci sono e sono parziali, omissivi o addirittura infedeli sarebbe giusto che i sanitari responsabili trovassero adeguata sanzione. Nel tempo l’applicazione del “metodo così fan tutti” ha creato, in troppi casi, l’assenza di ogni garanzia per gli animali. Specie quando sono i controllori che controllano anche il loro stesso agire.